CasaPound Abruzzo CasaPound L'Aquila

RESTITUZIONE TASSE, CASAPOUND: GOVERNO PRONO AI BUROCRATI DI BRUXELLES, PRONTI ALLA MOBILITAZIONE

Spread the love

L’Aquila, 5 aprile – CasaPound Italia L’Aquila interviene sulla problematica delle 350 cartelle esattoriali recapitate ad altrettanti operatori economici aquilani, che dovranno restituire in tempi brevi, in un’unica soluzione e con l’aggiunta di interessi e sanzioni, tributi e contributi il cui pagamento era stato sospeso a seguito del tremendo sisma del 6 aprile 2009.

“Ancora una volta – afferma Claudia Pagliariccio, portavoce cittadina del movimento – il Governo italiano si è fatto prono esecutore dei dettami dei burocrati di Bruxelles, procedendo alla nomina di un Commissario straordinario per il recupero delle somme in questione, ritenute dall’Europa aiuti di stato non notificati e pertanto illegali. È francamente assurdo che si considerino indebite agevolazioni delle misure che hanno costituito il minimo indispensabile, e sono anzi risultate del tutto insufficienti, per la sopravvivenza del tessuto economico e produttivo di un comprensorio messo in ginocchio da una catastrofe naturale”.

“Si tratta – prosegue l’esponente della tartaruga frecciata – di una vergogna assoluta che solo istituzioni lontane dai cittadini e dai territori come quelle europee, disposte a sacrificare le esigenze dei popoli sull’altare della concorrenza, potevano partorire. Altrettanto desolante è il solito teatrino messo in scena da certa classe politica locale e nazionale, che si precipita a chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati nel disperato tentativo di mettere una toppa a una situazione che essa stessa, con la sua passività e il suo pressappochismo, ha contribuito a generare”.

“Fatti come questi sono destinati a ripetersi finché continuerà ad affermarsi la prevalenza del diritto comunitario su quello nazionale: ecco perché CasaPound sostiene da sempre la necessità di recuperare la nostra sovranità rispetto a un’Unione Europea che è diventata ormai una vera e propria prigione. Per questo – conclude Pagliariccio – il 16 aprile saremo in prima fila al fianco delle partite IVA aquilane, alle quali daremo tutto l’appoggio possibile nella lotta contro il mostro burocratico europeo e i suoi reggicoda nostrani”.

Facebook Comments

Spread the love

Lascia un commento